Gemellaggio

Il gemellaggio tra Concordia Sagittaria e Concordia sulla Secchia risale al 4 settembre 2005, quando presso il Palazzo Vescovile di Concordia Sagittaria venne sottoscritto dai sindaci dei rispettivi comuni e dai rappresentanti di varie associazioni (AVIS, AIDO e Corali) l’atto di gemellaggio.

Il “Gemellaggio” è un legame simbolico atto a favorire relazioni umane e culturali tra soggetti o enti che risiedono in città lontane fra loro ma che hanno, nelle loro storie od origini, punti in comune nei quali riconoscersi.

Quali sono i punti in comune nei quali le nostre associazioni, le nostre corali e le nostre autorità civili e religiose si sono riconosciute?

La risposta è semplice: il nome “CONCORDIA”.

Da quel fondamentale 4 settembre le due Concordie sono quindi unite dal nome e gemelle nella solidarietà. Da quel momento si sono succeduti amichevoli incontri, visite di cortesia, scambi di idee, ponti di solidarietà e mutuo soccorso.

Questa pagina, dunque, vuol essere il ponte virtuale di collegamento tra due rive di uno stesso fiume: l’AVIS.

Visita il sito di Concordia sulla Secchia

Articoli

08/07/2007 – 50° di Concordia sulla Secchia
07/09/2008 – Festa del Donatore a Concordia
06/12/2008 – Intervista al Presidente di Concordia sulla Secchia
 
06/09/2009 – Festa del Donatore 2009
25/09/2011 – Festa del Donatore a Concordia sulla Secchia
06/06/2012 – Visita a Concordia sulla Secchia dopo il terremoto
3
0/09/2012 – Inaugurazione sede provvisoria a Concordia sulla Secchia
12-13-14/10/2012 – Festa delle Associazioni a Concordia Sagittaria

50° anniversario dell’Avis comunale di
Concordia sulla Secchia

       L’ 8 luglio a Concordia sulla Secchia si sono tenuti i festeggiamenti per i 50 anni dell’Avis comunale. Non potendo mancare ad un appuntamento così importante, come promesso ai nostri gemelli, noi di Concordia Sagittaria ci siamo (per così dire) “armati” e siamo partiti. Non una semplice “delegazione di rappresentanza”. No signori…..una corriera piena zeppa di Concordiesi veneti è partita alle 5 del mattino accompagnando in questa missione i presidenti di Avis, Aido ed Asma.

     Beh…in effetti forse siamo arrivati alla “Festa” un po’ in anticipo … quindi puntualissimi!!!!!!

     Erano presenti membri dei Consigli e loro famigliari, simpatizzanti e con noi anche alcuni amici della Corale Concordia, anch’essa gemellata con la Corale “Santa Cecilia” del comune emiliano. Ad accoglierci c’erano il Presidente Avis Guglielmo Gemelli, il Direttivo della Sezione ed il Presidente dell’AIDO Luciano Battaglia.

     Appena arrivati abbiamo visitato la sede dell’Avis comunale che ospita anche il Centro Trasfusionale: una struttura accogliente e funzionale. Al suo interno abbiamo potuto ammirare ancora una volta con grande piacere il quadro realizzato dal ns. avisino/concordiese, Daniele Bellomo, raffigurante i “ponti” di amicizia, solidarietà e cultura che insieme ci siamo impegnati a costruire.

     In corteo lungo il paese, seguendo la banda con i nostri labari Avis, Aido e Asma insieme a moltissime consorelle, alle Autorità Civili (Sindaco, Assessore ai Servizi Sociali e Pari Opportunità) ed Autorità Associative (Avis Nazionale, Avis Regionale Emilia Romagna ed Avis Provinciale Modena), abbiamo raggiunto il monumento ai caduti dove è stato osservato un minuto di silenzio. Siamo, quindi, confluiti in Chiesa accolti da Don Franco Tonini per la S. Messa, durante la quale il Parroco ha fatto un ricercato excursus sul significato e la presenza del sangue come simbolo di vita in tutte le civiltà a partire dalle più antiche.

     Terminata la funzione ci siamo trasferiti al “Teatro del Popolo”, un bellissimo teatro da poco restaurato dove, dopo i rituali ed appassionati discorsi delle Autorità Civili e Associative, hanno avuto luogo le consegne dei Diplomi di Benemerenza e di particolari riconoscimenti ai soci che, con l’impegno profuso, hanno sensibilmente contribuito al raggiungimento di un così importante traguardo.

     Con noi abbiamo anche portato dei regali che sono stati consegnati durante l’assemblea: due opere artistiche realizzate da Franco Rosson raffiguranti i simboli delle ns. Associazioni AVIS e AIDO.

     Terminata la cerimonia ufficiale siamo risaliti in autobus per raggiungere, nel bel mezzo della campagna emiliana, l’oratorio dove era stato allestito per l’occasione il lauto banchetto per circa 300 persone.

     La colonnina di mercurio segnava una temperatura “quasi africana” e davanti ad un bel piatto “fumante” di tradizionali tortellini in brodo………. a più di qualcuno un rivolo di sudore è cominciato a scorrere dalla fronte. La fame, però, cominciava a farsi sentire, quindi, dopo una bella e sana risata ci siamo buttati a capo-fitto su quel piatto e, dopo averli gustati ed essersi leccati i baffi, in molti hanno addirittura chiesto il bis!

     Nel corso di questo pasto luculliano non sono certo mancati i momenti di aggregazione con i canti delle corali e la consueta lotteria.

     La fortuna non è stata dalla nostra, a parte per il nostro consigliere Redento che è riuscito a “vincere” il suo maglione dimenticato in teatro, oltre ad un tradizionale dolce simpaticamente allegato al “pacco”.

     Così, dopo che Diego Bellomo ha presentato il progetto della “raccolta dei tappi di plastica” che viene fatta nel nostro comune, invitando a promuovere l’iniziativa anche a Concordia sulla Secchia, abbiamo fatto man bassa di tutti i tappi di bottiglia presenti sui tavoli e a pancia piena, tra tanti ringraziamenti e “arrivederci, a presto”, siamo risaliti in autobus con l’aria condizionata al massimo con destinazione “casa”.

     Andata e ritorno in giornata un po’…….faticoso, ma siamo andati a letto contenti di aver festeggiato questo importante traguardo con i nostri amici Concordiesi che aspettiamo alla nostra Festa del Donatore il 2 settembre prossimo per il 25° della nostra sezione Avis.

 

Share

Commenta